Articoli

Storie di Volontariato - a Pagani tante iniziative con la Papa Charlie

Pagani, le attività della Papa Charlie per l’emergenza corona virus.

Attivo a Pagani il COC - Centro operativo Comunale nella sede della PA Papa Charlie - Anpas. A raccontarci le attività quotidiane della Pubblica Assistenza Papa Charlie, Gaetano Pepe.

Gaetano, quando è stato attivato il COC- Centro Operativo Comunale a Pagani?
Il 23 marzo, come volontario ho la funzione all’interno del COC di responsabile supporto tecnico e segreteria.

Dove ha sede il COC?
Presso la nostra sede a Pagani. Una stanza è attrezzata solo a queste funzioni. Abbiamo anche il collegamento per fare le dirette con Radio Base che ci permette di comunicare con la comunità locale.

Di cosa vi occupate in questi giorni?
Sono diversi i servizi attivi. In primis abbiamo attivato un servizio di ascolto sociale e psicologico. Abbiamo a lavoro assistenti sociali per un primo colloquio e poi due psicologi e una sociologa per rispondere ad altre esigenze che ci arrivano. Svolgiamo anche attività di carico e scarico di derrate alimentari per le persone in difficoltà che poi smistiamo agli enti assistenziali del territorio. Sono diverse le realtà a cui consegnamo beni alimentari, fino ad ora sono arrivate 20 pedane di questi beni.

Avete sviluppato anche un servizio dedicato alle comunità straniere.
Sì, sappiamo che a Pagani ci sono diverse comunità straniere: indiani, ucraini, polacchi e romeni. Abbiamo avviato un servizio di sostegno anche per loro. Li abbiamo intercettati tramite volantini, tradotti nelle loro lingue, e con messaggi sui social e in radio.

Risposte da parte di queste comunità?
Sono arrivate in sede diverse comunità, una ci ha colpito in modo particolare. Oltre a beni alimentari ci hanno chiesto per i loro bambini quaderni di prima, seconda e terza elementare e le penne. Ovviamente poi li abbiamo indirizzati verso gli enti impegnati in queste attività.

Siete impegnati anche nella consegna farmaci?
Sì consegniamo i farmaci a chi ne ha bisogno, parliamo di persone con problemi di salute che in questa fase vanno maggiormente tutelati, così da non farli uscire di casa. Svolgiamo anche attività di consegna di spesa alimentare per chi ne ha bisogno come: anziani e disabili. Devo dire che le attività commerciali del posto supportano anche loro con la consegna a domicilio.

Quanti volontari sono impegnati?
Attualmente sono 30 persone attive al giorno, divisi in due turni. Ogni turno vede 15 volontari attivi.L'associazione è aperta h24. Spesso durante la giornata svogliamo anche attività di rete con altre realtà di volontariato dei comuni vicini. Abbiamo tipo dei punti di interscambio dove ci incontriamo e ci consegnamo farmaci o beni da consegnare a persone del nostro comune o viceversa. Questo accade soprattutto quando figli e genitori devono consegnarsi qualcosa in comuni diversi.

Gaetano, sono anni che fai volontariato, hai partecipato a tante situazioni di emergenza come terremoti e alluvioni, come vivi da volontariato questa emergenza sanitaria?
Come dicono gli altri volontari per gli eventi come quelli sismici e alluvionali siamo preparati ad un dato scenario che di solito e circoscritto ad un contesto geografico; per questo tipo di evento ogni giorno è un giorno nuovo con bisogni ed emergenze diverse. L’importante è esserci e aiutare chi ha bisogno.

CSV Salerno

corso Vittorio Emanuele, 58
84123 - Salerno
Telefono: 089 2756511
Fax: 089792080
CF: 91036230653
IBAN: IT06L 05018 03400 000016739393

© CSV 2020 - Tutti i diritti riservati