Un breve racconto di Tempo e Memoria dei centri estivi

Un breve racconto di Tempo e Memoria dei centri estivi

Entusiasti tutti i partecipanti. Stanno vivendo un’esperienza indimenticabile, ogni giorno sempre tante attività utili all’apprendimento seppur divertenti ed educative. Un’estate di divertimento, amicizia e crescita cominciata lunedi 24 giugno a Polla.
Il primo campo estivo della cittadina.
Ha avuto luogo lunedi 24 giugno alle ore 09,00 presso i giardini della Biblioteca Comunale in Via Campo la Scala a Polla “Prof. Vincenzo Curcio“ la cerimonia di saluto e accoglienza ai giovanied alle rispettive famiglie partecipanti dei campi estivi che si stanno svolgendo nel centro di Polla sino al 6 luglio.
Il Campo Estivo presso la Biblioteca e area verde adiacente per i bambini dai 6 ai 10 anni, è organizzato dall’Associazione Culturale “Tempo e Memoria” e da CSV Sodalis di Salerno, in collaborazione con il Comune di Polla e con la Pro Loco Polla.
Presenti il presidente di Tempo & Memoria Vincenzo D’Amico, il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Corleto, l’Assessore Rossella Isoldi oltre gli operatori volontari coordinati da Chiara del Bagno e Lia Medici, nonché il parroco Don Antonio Calandriello che ha impartito la benedizione a tutti i bambini presenti.
I presenti hanno ringraziato, anche a nome del Sindaco Massimo Loviso, CSV Sodalis, l’Associazione Tempo & Memoria e gli operatori, hanno salutato i bimbi e le famiglie augurando loro un buon campo estivo e una splendida estate.
Una bella opportunità è stata data ai bambini pollesi di poter trascorrere due settimane di divertimento fuori e dentro loro Biblioteca Comunale. Giorni di svago e di socialità durante i quali i partecipanti svolgeranno tante attività ludiche, ricreative e culturali. Molto spazio è riservato all’animazione e alla lettura; sono previste, anche, giornate dedicate alla cura dell’ambiente e del territorio, all’educazione alimentare e tanto altro.
Due settimane ricco di impegni insieme alle escursioni esterne quali la visita al locale vivaio e al museo della civiltà contadina. Una iniziativa da ripetere.

 767 total views,  6 views today