Corso di Clownterapia

L’ Associazione “La Rondinella” e Sodalis organizzano, nell’ambito dei Laboratori di cittadinanza, organizzano il corso di Clownterapia

Obiettivo

L’ Associazione “La Rondinella” con la clownterapia regala sorrisi ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici ed oncoemotologici degli ospedali campani e a coloro che vivono una situazione di disagio fisico, psichico e/o sociale.

Il clown di corsia, mira a sdrammatizzare la figura del medico e la paura del “camice bianco” soprattutto nei più piccoli: abbatte la noia, promuove la salute, distrae dalla realtà ospedaliera in modo creativo.
Ogni singolo sketch è personalizzato e completamente adattato alla persona con la quale i clown professionisti entrano in relazione. Se un bambino è triste ed arrabbiato perché non può vedere il suo cagnolino per tutta la durata del ricovero, probabilmente i clown dottori adatteranno la scenetta a queste emozioni, con un cagnolino peluche che la farà da protagonista. I dottori del sorriso, inoltre, permettono la creazione ed il consolidamento dei rapporti che vengono instaurati tra pazienti ricoverati, familiari e personale sanitario con l’intento di contribuire ad un processo di guarigione più rapido e sereno. L’attività dei clownterapeuti, dunque, non si limita all’intrattenimento e alla risata, ma include intenti ben più alti, ormai testimoniati anche dalla ricerca scientifica. Il clown dottore non fa animazione, ma opera un cambiamento terapeutico usando la “clownerie”, la magia, il gioco comico e poetico, al fine di produrre l’energia vitale del ridere come emozione utile per affrontare situazioni di malessere, per ridimensionare ansie e paure legati al loro stato di salute ed ai trattamenti sanitari. Inoltre prova a stabilire, anche con gli spettatori, un rapporto di fiducia, comprensione e confidenza, capace di alleggerire la quotidianità della vita ospedaliera, in favore della fantasia e dell’immaginazione. Questo modo tanto originale e creativo di approcciarsi alla cura, è oggi a validato dalla comunità scientifica: in condizioni psicologiche positive tutto l’organismo reagisce meglio alla malattia ed alle cure.

La clownterapia consiste nell’applicazione delle tecniche di clownerie, teatrali, comiche e d’improvvisazione in ambito sanitario o in contesti di disagio, allo scopo di migliorare l’umore di pazienti, familiari, professionisti sanitari ed accompagnatori.
I clown che siamo abituati a collocare all’interno di circhi e teatri di strada, portano con loro nasi rossi, palline, bolle di sapone, marionette e scarpe extra-large entrando nei reparti d’ospedale e nelle camere di degenza. In un primo momento si può pensare che sia azzardato o impossibile conciliare il sorriso con la delicatezza e le problematiche dei reparti ospedalieri, poiché la linea di confine tra ciò che può risultare gradito o spiacevole, è molto sottile nei contesti in cui la sofferenza ed il dolore sono protagonisti.
Per questa ragione, l’obiettivo è quello di formare nuovi clown dottori poiché non è possibile improvvisarsi clownterapeuta ed occorre una formazione specifica su aspetti psicologici, sanitari ed artistici

Il Corso

L’ attività formativa si terrà il 28 e 29 aprile a Scafati e propone l’ approfondimento delle seguenti tematiche:
– il clown dottore
– implicazioni psicoevolutive e concetto di malattia nel bambino ospedalizzato;
– la differenza tra “curare” e “prendersi cura”;
– comprendere l’importanza della clownterapia e gli effetti benefici della risata;
– P.N.E.I (Psiconeuroendocrinoimmunologia) e Gelotologia;
– Meccanismi di difesa del piccolo paziente
– psicologia evolutiva
– circle time
– favolaterapia ed improvvisazione teatrale
– Stare in gruppo
– ballon-art, prestidigitazione
-yoga della risata o laughter yoga
– tecniche di meditazione, respirazione e rilassamento.
– visione di video e slide

Per informazioni e iscrizioni

3381578323

 14,040 total views,  17 views today