Alternarsi

L’associazione Levanta ARCI e Sodalis, nell’ambito dei Laboratori di cittadinanza, organizza l’evento Alternarsi dal 17 Aprile c/o ISS Besta Gloriosi – Battipaglia.

Programma delle attività

L’attività si caratterizzerà in una giornata di formazione per gli studenti dell’IIS Besta-Gloriosi del comune di Battipaglia sulle nuove energie rinnovabili e di confronto con esperti del settore.

L’iniziativa si svolgerà attraverso attività info-formative in relazione alla transizione energetica green e alle buone pratiche ad oggi presenti sul territorio e a tutti gli strumenti giuridici, organizzativi e tecnologici disponibili.

Il percorso analizzerà nel dettaglio l’idea di sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’Agenda 2030, le fonti e vettori di energia all’interno dello scenario energetico attuale in Italia e a livello globale, il problema degli alti tassi di CO2 nell’ambiente e le Best Practice per il suo
superamento.

Vi sarà inoltre, un approfondimento specifico sul tema delle Comunità energetiche (CER), uno strumento innovativo, introdotto di recente anche in Italia, che consente ad imprese, comunità locali e cittadini di condividere energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili.

Infine, verranno presi in esame gli impianti di Bio-Metano che lavorano attraverso la riqualificazione delle defezioni bufaline (risorsa particolarmente strategica nel nostro territorio di forte caratterizzazione agricola, che vede nella mozzarella di bufala campana
DOP uno dei suoi principali prodotti d’esportazione).

Si parlerà delle tecnologie e degli strumenti per la progettazione ed il coordinamento di questi ultimi, per favorire la transizione sostenibile e lo sviluppo del territorio attraverso la riconversione di un elemento di scarto, facendolo diventare grande opportunità

La  produzione energetica per la transizione ecologica della società.

La transizione ecologica rappresenta un imperativo globale per affrontare le sfide ambientali e climatiche del nostro tempo. Al centro di questo processo di cambiamento radicale si trova la produzione di energia rinnovabile, un pilastro fondamentale per ridurre le emissioni di gas serra, promuovere la sostenibilità e garantire un futuro prospero per le generazioni future.

Le energie rinnovabili, come il sole, il vento, l’acqua e la biomassa, offrono un’alternativa pulita e sostenibile alle fonti energetiche fossili. Sfruttare queste risorse naturali per produrre energia non solo riduce l’impatto ambientale delle attività umane, ma anche la nostra dipendenza da combustibili fossili, contribuendo a mitigare i cambiamenti climatici e a garantire la sicurezza energetica.

Una delle chiavi della transizione ecologica attraverso la produzione di energia rinnovabile è l’innovazione tecnologica. Gli sviluppi nella tecnologia solare, eolica, idroelettrica e delle biomasse hanno reso sempre più accessibili e convenienti le fonti energetiche rinnovabili. Le celle fotovoltaiche sono diventate più efficienti e convenienti, le turbine eoliche sono diventate più potenti e affidabili, e le tecnologie di stoccaggio dell’energia stanno raggiungendo nuovi traguardi.

Inoltre, la produzione di energia rinnovabile offre numerosi vantaggi economici. La creazione di nuovi posti di lavoro nell’industria delle energie rinnovabili, la riduzione dei costi energetici a lungo termine e lo stimolo all’innovazione e alla competitività economica sono solo alcune delle conseguenze positive di questa transizione.

Tuttavia, affrontare la transizione ecologica attraverso la produzione di energia rinnovabile richiede un impegno coordinato da parte di governi, imprese e cittadini. È necessario sviluppare politiche e incentivi che promuovano la crescita delle energie rinnovabili, investire in infrastrutture energetiche sostenibili e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di ridurre l’impatto ambientale delle nostre attività quotidiane.

Sfruttando le risorse naturali a disposizione e adottando tecnologie innovative, possiamo creare un sistema energetico più pulito, resiliente e giusto per tutti. Investire nella produzione di energia rinnovabile non è solo una necessità, ma anche un’opportunità per plasmare un mondo migliore per le generazioni future.

Le Comunità energetiche

Nel contesto di una crescente consapevolezza ambientale e della necessità di ridurre le emissioni di gas serra, le comunità energetiche stanno emergendo come un’innovativa soluzione verso un futuro sostenibile. Ma cosa sono esattamente queste comunità e perché stanno guadagnando sempre più attenzione?

Le comunità energetiche rappresentano un modello decentralizzato di produzione, gestione e consumo dell’energia. Al loro cuore, si trovano gruppi di individui, aziende o istituzioni che si uniscono per condividere risorse energetiche rinnovabili, come pannelli solari, turbine eoliche o batterie di stoccaggio. Queste risorse vengono integrate in una rete locale, consentendo agli aderenti di generare, utilizzare e scambiare energia tra loro, riducendo la dipendenza dalle fonti tradizionali e centralizzate.

Una delle caratteristiche distintive delle comunità energetiche è la loro capacità di favorire l’autonomia energetica e l’empowerment delle comunità locali. Le decisioni riguardanti la produzione e il consumo energetico vengono prese democraticamente dagli aderenti, promuovendo una maggiore consapevolezza sulle questioni energetiche e un senso di responsabilità collettiva verso l’ambiente.

Inoltre, le comunità energetiche offrono vantaggi economici tangibili. Attraverso il modello di condivisione delle risorse energetiche, i partecipanti possono ridurre i costi energetici complessivi e persino generare reddito extra vendendo l’energia in eccesso alla rete nazionale. Questo può incentivare ulteriormente l’adozione di tecnologie rinnovabili e stimolare l’economia locale.

Ma le comunità energetiche non sono solo una questione di riduzione dei costi o di guadagno finanziario. Rivestono anche un ruolo cruciale nella transizione verso un sistema energetico più resiliente e flessibile. Grazie alla diversificazione delle fonti energetiche e alla distribuzione locale delle risorse, queste comunità sono meno vulnerabili a interruzioni di approvvigionamento e possono contribuire a stabilizzare la rete elettrica nel suo complesso.

Tuttavia, nonostante i numerosi vantaggi, le comunità energetiche affrontano ancora sfide significative. Tra queste, vi sono le barriere regolatorie e amministrative, la necessità di investimenti iniziali e la gestione delle relazioni tra i vari partecipanti. Per superare tali ostacoli, è essenziale un forte impegno da parte delle istituzioni governative per favorire l’adozione e la diffusione di questo modello innovativo.

Le comunità energetiche rappresentano per queste ragioni una via verso un futuro energetico più sostenibile, equo ed efficiente. Con il loro potenziale per promuovere l’autosufficienza, l’empowerment comunitario e la mitigazione dei cambiamenti climatici, queste comunità stanno dimostrando di essere non solo una risposta alle sfide del nostro tempo, ma anche un pilastro fondamentale per la costruzione di un mondo migliore per le generazioni future.

Il Biogas

Gli impianti a biogas rappresentano un’innovativa tecnologia che trasforma materiali organici, come rifiuti agricoli, scarti alimentari e letame, in una preziosa fonte di energia rinnovabile. Questi impianti sfruttano il processo di digestione anaerobica, nel quale microorganismi decompongono la materia organica in assenza di ossigeno, producendo biogas come sottoprodotto.

Il biogas, composto principalmente da metano e biossido di carbonio, può essere utilizzato in diversi modi. Una delle sue applicazioni più comuni è la produzione di energia elettrica e termica tramite generatori a biogas. Inoltre, il biogas può essere purificato per ottenere biometano, un combustibile di qualità simile al gas naturale, che può essere utilizzato per il riscaldamento domestico, il trasporto e altre applicazioni industriali.

Uno dei principali vantaggi degli impianti a biogas è la loro capacità di trattare i rifiuti organici, reflui zootecnici, scarti di lavorazione agricola e biomasse, riducendo così l’inquinamento ambientale e mitigando l’emissione di gas serra. Inoltre, questi impianti consentono di ottenere energia in modo decentralizzato, riducendo la dipendenza dalle fonti fossili e promuovendo la sicurezza energetica.

Oltre ai benefici ambientali, gli impianti a biogas offrono anche opportunità economiche per agricoltori, allevatori e altre aziende. La produzione di biogas consente di ottenere un reddito aggiuntivo dalla vendita di energia elettrica o biometano, oltre a ridurre i costi associati allo smaltimento dei rifiuti organici.

Tuttavia, la realizzazione e gestione di un impianto a biogas possono presentare alcune sfide, tra cui la necessità di investimenti iniziali, la gestione dei processi di digestione anaerobica e la regolamentazione delle emissioni di gas. È fondamentale adottare pratiche di gestione efficienti e conformi alle normative per garantire il successo e la sostenibilità di tali impianti.

In definitiva, possiamo affermare che gli impianti a biogas rappresentano già ad oggi un’importante fonte di energia rinnovabile, ma grazia alla loro capacità di generare energia pulita e al contempo promuovere la gestione sostenibile dei rifiuti riducendo le emissioni di carbonio, questi impianti giocano un ruolo chiave nella costruzione di un futuro energetico più sostenibile ed equo.

 7,388 total views,  6 views today