Iniziative ETS

Candidatura per il Premio Europeo per la Validazione delle Competenze del Volontariato 2024- [Per accedere a questo modulo e allegare file, è necessario effettuare l'accesso con il proprio account Google.] I partner del progetto eQval sono orgogliosi di organizzare il primo "Premio Europeo per la Validazione delle Competenze del Volontariato 2024". Il "Premio Europeo per la Validazione delle Competenze del Volontariato 2024" è stato organizzato per riconoscere...

leggi di più

L'associazione Paolo Masullo organizza La festa dei vicini il 18 luglio alle ore 20:30 nel cortile del condiminio Il Parco via Rescigno n.6. L'evento sarà un momento per rafforzare il senso di comunità e le relazioni di buon vicinato. L'Associazione Paolo Masullo: Un Faro di Solidarietà L'Associazione Paolo Masullo è ben nota per il suo impegno nel promuovere la solidarietà e l'integrazione sociale. Attraverso varie iniziative, si pone...

leggi di più

Al via la ricerca di EUconsult Italia nell’ambito del progetto europeo Non Profit Consultants’ Skills di cui EUconsult Italia è capofila, con il lancio dell‘indagine dedicata alle competenze dei consulenti del Terzo Settore: l’invito a rispondere al questionario (entro il 31 luglio 2024) è rivolto a tutti i professionisti che offrono servizi di consulenza agli enti non-profit. COMPILA IL QUESTIONARIO >> https://bit.ly/npcskills In questa fase, EUconsult...

leggi di più

Nel 2023 impennata delle ecomafie in Campania , aumentano i reati ambientali del +23%. 4.952 illeciti penali con una media che sale a 13,5 reati al giorno. Provincia di Napoli al primo posto in Italia , a quota con 1.494 reati, seguita da Avellino (in forte crescita con 1.203 reati, pari al +72,9%). Campania leader anche nel ciclo illegale dei rifiuti   con 1.859, esattamente il 20% sul totale nazionale; enorme anche il numero di denunce, 1.829, di arresti, 43 e di sequestri, 631 Emergenza shopper illegali: Napoli nell’ultimo anno sono stati rintracciati 100 chilogrammi di buste illegali ogni tre giorni, per un totale di 120 quintali.

In Campania le ecomafie premono sempre di più sull’acceleratore e fanno affari d’oro. A dimostrarlo è l’aumento dei reati ambientali che nel 2023 salgono a 4.952, registrando +23% rispetto al 2022, con una media di 13,5 reati al giorno, dati che confermano la Campania leader nazionale. Maglia nera per la provincia di Napoli con 1.494 reati, seguita da Avellino (in forte crescita con 1.203 reati, pari al +72,9%). A tracciare un quadro di sintesi è il nuovo report di Legambiente “Ecomafia 2024.  Le storie e i numeri della criminalità ambientale in Italia”, nel 30esimo anno dalla sua prima pubblicazione, e i cui dati sono stati presentati oggi a Roma.

La Campania si conferma maglia nera a livello nazionale in tutti i cicli dell’ecomafia, da quello dei rifiuti al cemento illegale. La nostra regione si conferma si conferma al primo posto come numero di reati contro l’ambiente (4.952, pari al 14% del totale nazionale), con un aumento delle persone denunciate (4.643), delle persone arrestate (49), e dei sequestri effettuati (1.241). Guida la classifica a livello nazionale la Provincia di Napoli con 1.494 reati, seguita dalla provincia di Avellino (1.203), che dalla settima posizione arriva sul secondo gradino del podio. Quinta la Provincia di Salerno con 815 reati. In questi anni a spartirsi la torta, insieme ad imprenditori, funzionari e amministratori pubblici collusi, sono stati circa 80 clan attivi in tutte le filiere analizzate da Legambiente: dal ciclo del cemento a quello dei rifiuti, dai traffici di animali fino allo sfruttamento delle energie rinnovabili e alla distorsione dell’economia circolare.

“I numeri e le storie raccolte nel rapporto – dichiara Mariateresa Imparato, presidente Legambiente Campania – confermano il lavoro importante svolto da forze dell’ordine, Capitanerie di porto, enti di controllo e magistratura.E dovrebbero sollecitare risposte coerenti ed efficaci da parte di chi ha responsabilità politiche e istituzionali. La lotta all’ecomafia passa mettendo in campo un piano di politiche trasversali contro ecocriminali , dalle politiche industriali a quelle occupazionali, da quelle socio ambientali a quelle culturali. Bisogna ristabilire in Italia e in Campania la giustizia ambientale.”

Continua l’applicazione della legge 68/2015 sugli ecoreati che nel 2023 ha superato la quota 600. Come ogni anno il delitto di inquinamento ambientale (art. 452-bis c.p.) è stato quello più contestato, 111 volte. La Campania si conferma la regione con il numero più alto di applicazioni della legge 68, pari a 99 con 118 persone denunciate, 12 arresti e 40 sequestri per un valore complessivo che supera i 7 milioni di euro.

Le piaghe da sanare

La Campania è sempre in testa alla classifica nazionale del ciclo dei rifiuti per numero di reati, 1.859, esattamente il 20% sul totale nazionale; enorme anche il numero di denunce, 1.829, di arresti, 43 e di sequestri, 631. A livello provinciale quest’anno Avellino con 763 reati scippo lo scettro a Napoli (475 illeciti penali), seguita da Roma (274), Caserta (224). E in Campania c’è una vera e propria emergenza shopper illegali. Un dato su tutti: solo a Napoli nell’ultimo anno sono stati rintracciati 100 chilogrammi di buste illegali ogni tre giorni, per un totale di 120 quintali. Ma se si torna indietro nel tempo, i numeri salgono a dismisura. Dal 2017, il Nucleo tutela ambientale della Polizia municipale del capoluogo campano ha condotto 76 operazioni, arrivando a sequestrare circa 8,6 milioni di shopper illegali, per un totale di 170 tonnellate di materiale, comminando 500mila euro di sanzioni. Le indagini delle procure stanno confermando che un affare apparentemente minore, come quello del racket delle buste di plastica illegali, interessa anche la criminalità organizzata, attirata dalla possibilità di aumentare i propri guadagni correndo rischi irrisori.

La Campania è ancora la regione saldamente in testa alla classifica del cemento illegale, con quasi il 15% dei reati contestati a livello nazionale, ed è prima assoluta anche per numero di persone denunciate, oltre 2.000, e di sequestri effettuati, 370. Podio tutto campano con Napoli, Avellino e Salerno che guidano la classifica a livello provinciale. In Provincia di Napoli si registrano 452 reati nel ciclo del cemento con 497 persone denunciate e 223 sequestri, in Provincia di Avellino i reati sono 349, 263 le persone denunciate e 32 sequestri. Segue Salerno con 296 reati, 458 persone denunciate e 82 sequestri. Il record “negativo” per numero di ordinanze emesse in rapporto alla popolazione spetta alla Campania, dove, dal 2004 al 2022, è stata aperta una pratica per abusivismo edilizio ogni 236,6 abitanti. Le province più virtuose sono quella di Benevento con il 32% degli abbattimenti sulla base delle ordinanze emesse nel periodo di riferimento (dato di cui non fa parte il Comune capoluogo che è a zero) e Avellino, con il 30,4% (in questo caso, il Comune capoluogo incide notevolmente grazie al 39,4% delle ordinanze eseguite). Più dietro la provincia di Salerno con il 14,1% e Caserta con il 13, 1%.

Quindici le proposte che l’associazione ambientalista indirizza oggi all’Esecutivo per avvicinare il quadro normativo ai principi sanciti in Costituzione, di queste sei sono i pilastri su cui lavorare in maniera prioritaria: 1) Recepire quanto prima la nuova direttiva europea in materia di tutela penale dell’ambiente, approvata dal Parlamento europeo il 27 febbraio 2024, che introduce nuove fattispecie di reato rispetto a quelle già previste dal nostro Codice penale e prevede l’adozione di strategie nazionali contro la criminalità ambientale; 2) Introdurre nel Codice penale i delitti contro le agromafie; 3) Introdurre nel codice penale i delitti contro gli animali; 4) Restituire ai prefetti pieni poteri per la demolizione degli immobili che i Comuni non hanno abbattuto, a partire dall’ultimo condono edilizio; 5) Inasprire le sanzioni contro i reati nel ciclo dei rifiuti; 6) Completare l’approvazione dei decreti attuativi del Sistema nazionale di protezione ambientale e potenziare gli organici delle Agenzie regionali, per garantire controlli adeguati sul Pnrr e sulle Olimpiadi Milano-Cortina 2026.

 1,527 total views,  63 views today

leggi di più

La campagna estiva di Legambiente e CONAI d'informazione, sensibilizzazione e animazione per migliorare la qualità della differenziata e favorire la riduzione della produzione dei rifiuti Ispani, Pollica e San Giovanni a Piro. Il podio della Summer hit delle migliori performance estive dei comuni costieri per quanto riguarda la raccolta differenziata Parco del Taburno mantiene la migliore performance di raccolta differenziata tra le aree protette  Parco Nazionale...

leggi di più

L’associazione di promozione sociale Cor et Amor, con sede legale a Lessolo, in provincia di Torino, ha lanciato nel 2020 un ambizioso progetto nazionale chiamato “Costruiamo Gentilezza” ( www.costruiamogentilezza.org ). Questo progetto, che si protrarrà fino al 21 marzo 2036, mira a favorire l’evoluzione comunitaria attraverso l’implementazione di pratiche gentili (ovvero azioni che agiscono positivamente sul modo pensare e agire dei cittadini) che, a costo...

leggi di più

Il prossimo 𝟏𝟐 𝐥𝐮𝐠𝐥𝐢𝐨 𝟐𝟎𝟐𝟒 alle ore 10.45, si terrà presso il Gal Colline Salernitane il dibattito su "𝐕𝐚𝐥𝐨𝐫𝐢𝐳𝐳𝐚𝐫𝐞 𝐢𝐥 𝐭𝐞𝐫𝐫𝐢𝐭𝐨𝐫𝐢𝐨: analisi, prospettive ed istruzioni", promosso dalla AEQUITAS Aps . Un primo appuntamento per sensibilizzare il territorio sulle prospettive di valorizzazione e nuovi scenari di integrazione sociale. Alla tavola rotonda parteciparanno: Marcello Allocca - Presidente AEquitas Aps; Antonio Giuliano - Presidente del GAL Colline Salernitane e Sindaco di Comune...

leggi di più

L'associazione Legambiente occhi verdi annuncia il ritorno dell'evento Il Cinema al Verde con 𝟭𝟬 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗶 𝗮𝗽𝗽𝘂𝗻𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶:  𝟱 tra i migliori film d'autore usciti negli ultimi due anni che compongono la prima parte del cartellone dal 1 al 15 Luglio.  𝟱 film CULT che festeggiano un importante anniversario per gli ultimi 5 appuntamenti, dal 18 Luglio al 1 Agosto. La 𝐧𝐨𝐯𝐢𝐭𝐚̀ di quest'anno riguarda proprio la seconda parte del...

leggi di più

Si conclude l'attività filellenica, prima della pausa estiva, con la presentazione del libro Eubea di Dimitris Roubis. L'incontro si terrà a Cava de' Tirreni, l'8 luglio alle ore 19.30 presso l'Hotel Maiorino.  L'incontro sarà utile per scoprire un volto poco conosciuto della Grecia, andando alle più profonde radici della nostra civiltà, visto che proprio dall'Eubea partivano nell'VIII secolo a.C. i primi colonizzatori greci verso le nostre coste....

leggi di più
chiara tommasini csvnet

Riportiamo l'articolo pubblicato su CSVnet dell’intesa, sottoscritta dal ministro Nordio e dalla presidente dell’associazione dei centri di servizio per il volontariato, Chiara Tommasini, che punta a favorire protocolli locali per potenziare il ruolo delle associazioni nella messa alla prova e nei lavori di pubblica utilità. Promuovere la sottoscrizione di convenzioni locali tra Centri di servizio per il volontariato (Csv), enti del terzo settore e tribunali, per...

leggi di più