Il calendardio delle iniziative dei Laboratori di cittadinanza 2024-25

Il calendardio delle iniziative dei Laboratori di cittadinanza 2024-25

L’azione Laboratori di Cittadinanza prevede dei percorsi, in collaborazione e sostenuti delle organizzazioni, sui seguenti temi individuati:

  • il cambiamento climatico;
  • le economie circolari;
  • le nuove energie rinnovabili;
  • la transizione ecologica;
  • le politiche attive per il territorio.

La finalità del servizio è la diffusione dei valori della solidarietà e della cultura del volontariato dando visibilità all’impatto sociale dell’azione volontaria, promuovendo la crescita della cultura della solidarietà e della cittadinanza attiva, facilitando l’incontro tra ETS e cittadini interessati al volontariato, enti pubblici e privati.
L’obiettivo è fornire alle associazioni uno strumento idoneo a sviluppare interventi innovativi sui territori di appartenenza finalizzato ad accrescere la capacità di impatto dell’attività degli ETS nelle comunità.

Fino al 30 giugno 2024 è possibile attivare un laboratorio di cittadinanza clicca qui per scoprire come

Di seguito pubblichiamo il calendario in continuo aggiornamento dei laboratori attivati:

ANPAC ODV - Caccia al Biotesoro
Il Laboratorio prevede una caccia al tesoro particolare infatti si andrà alla ricerca della biodiversità, con lo scopo di sensibilizzare i giovani, le famiglie e la cittadinanza alla scoperta dell’ambiente dive vivono e al rispetto della natura a 360 gradi
FARMA E BENESSERE ODV - Sportello Informativo, Consulenza ed Orientamento Servizi Sanitari del Territorio
Lo Sportello Informativo offrirà alla popolazione attività un servizio di Consulenza ed Orientamento ai Servizi Sanitari del Territorio. L’ ufficio fisico ed il numero telefonico (call center) avranno degli orari di apertura al pubblico. Durante gli orari di apertura saranno offerti i servizi di:
– utilizzo dello SPID per accesso al sistema CUP ed al sistema Tessera Sanitaria (TS)
– Informazioni su orari ed attività degli sportelli ASL del territorio
– Informazioni su Turni Farmacie e Guardia Medica
– Sportello Psicologia con primo accesso
– Sportello Donna con primo accesso (psicologo ed ostetrica)
– altre attività

Scopri di più cliccando qui

IMPATTO ECOSOSTENIBILE ZERO WASTE CAMPANIA - Soldi ecologici

Con il coinvolgimento di vari esperti sul territorio realizziamo 2 incontri uno di carattere informativo sulle proposte dell’Europa per incentivare l’economia circolare e meglio comprenderne il significato e il cambiamento che si sta vivendo in tutto il mondo.
Il secondo più pratico laboratoriale dove attraverso il gioco e l’animazione si pongono le basi per poter meglio comprendere la capacità del denaro nella proposta ecologica e come piccoli gesti e soluzioni creative possono contribuire all’economia circolare.

Scopri la locandina dell’evento

LAB TEATRO - laboratorio teatrale aperto a tutti e gratuito
È vero che le grandi opere non smettono mai di parlare. È vero che certi racconti, entrati nella memoria collettiva, continuano ad incantare e a suggerire spunti per l’avvenire.
È il caso di Pinocchio. Non è la prima volta che Antonio Grimaldi affronta l’opera di Collodi: negli anni e in forme sempre diverse, Teatro Grimaldello ha portato in scena le struggenti avventure del burattino. Pinocchio ha fornito materia di studio per laboratori condotti sia con gli adulti che coi bambini. E l’incanto, tutte le volte, non si è mai affievolito.
Oggi Grimaldi torna a raccontare quella storia, interpretando il personaggio di Pinocchio come una figura cristica. Il burattino, impiccato all’albero di noce è, a tutti gli effetti, Cristo in croce.
E la narrazione parte da qui, dall’albero, da questo punto fermo che unisce le due narrazioni. Il burattino che si rivolge al padre – Geppetto, suo creatore – è un piccolo Gesù Cristo che, morendo, invoca il padre suo: “babbo, babbo mio, perché mi hai abbandonato?!”.
Questa fusione suscita un nuovo immaginario, crea spunti di rappresentazione e può condurre il pubblico in una nuova visione. Non c’è alcun grillo parlante perché il burattino l’ha inghiottito, ha ingoiato la coscienza che gli è rimasta ferma in gola.
È un Pinocchio ancora più vicino a noi, ancora più vero.
PUBBLICA ASSISTENZA CROCE AZZURRA CITTA' DI SIANO PROTEZIONE CIVILE - Trasformiamo abbeveratoi in punti idrici forestali per la lotta incendi boschivi

L’azione che si propone di finanziare si inserisce in una iniziativa legata alla lotta attiva agli incendi boschivi ed al riutilizzo della risorsa idrica esistente. i due temi toccano, dunque, due facce della stessa medaglia ovvero da un lato la siccità indotta dai cambiamenti climatici dall’altro gli incendi boschivi, sempre più difficili da controllare e spegnere a causa della magnitudo degli eventi.

Le azioni possono essere inserite sia nelle politiche attive per il territorio che come lotta al cambiamento climatico, in quanto da un lato si interviene su beni propri del territorio e dall’altro si tende a preservare la risorsa idrica limitandone l’uso della risorsa stessa dalle reti idriche esistenti durante gli incendi boschivi.

Nello specifico si propone di realizzare una attività di:

1) censimento da parte dei volontari degli abbeveratoi di monte la foresta, in passato utilizzati dagli agricoltori e pastori, oggi abbandonati a causa dell’abbandono delle attività agricole e pastorizie

2) formazione per i volontari relativamente all’uso delle risorse idriche esistenti negli abbeveratoi con le attrezzature di pompaggio in dotazione alla odv

3) informazione alla popolazione

Gli abbeveratoi censiti dai volontari potranno essere usati per attingere acqua durante le operazioni di spegnimento ottimizzando le strategie di lotta attiva.

L’iniziativa vedrà la collaborazione dell’area tecnica del comune di siano.

ASSOCIAZIONE GRANELLO DI SENAPA ODV - SOS Tata

Atteso che la nostra associazione focalizza la propria mission nel sostegno alla famiglia, l’attività si svilupperà in due step: il primo consisterà nel formare una rete di mamme volontarie nella gestione dei bisogni familiari specifici. Le stesse, nella seconda fase, supporteranno i genitori di bambini piccoli alle prese con le difficoltà moderne: dipendenze dagli strumenti elettronici, mancanza di dialogo, isolamento, dispersione scolastica, scollamento genitoriale.

ARCI SALERNO APS - Rassegna cinematografica Strani giorni - Il Cinema del Reale

“L’ Italia che non si vede – Rassegna itinerante del Cinema del reale” è un catalogo di film selezionati annualmente dall’UCCA, l’Unione Circoli Cinematografici dell’ARCI, la struttura dell’ARCI Nazionale attiva dal 1967 il cui principale tratta distintivo è la sua capillarità sull’intero territorio nazionale. Difatti, così come i circoli Arci sono spesso l’unico presidio di socialità in aree altrimenti desertificate, così le basi associative di UCCA insistono il più delle volte su territori nei quali gli ultimi presìdi cinematografici hanno da tempo cessato di esistere. Da un anno a questa parte ARCI Salerno, insieme ad UCCA e in collaborazione con le sezioni locali di altre organizzazioni come Arcigay e Amnesty International e con il Piccolo Teatro Portacatena, ha riportato il Cinema nel Centro storico di Salerno, promuovendo nella piccola sala teatrale di Via Porta Catena una serie di proiezioni di film (prevalentemente documentari su tematiche sociali, di attualità e storiche), oltre ad un laboratorio dedicato al racconto cinematografico che ha coinvolto una trentina di bambini e ragazzi della zona. In un’area della città altamente popolosa, che comprende il quartiere delle “Fornelle”, caratterizzato dal forte disagio sociale, dove il Cinema è del tutto assente (le sale più vicine sono il Teatro delle Arti e il San Demetrio, mentre l’Augusteo è inattivo da anni per quanto riguarda il cinema), e dove sono pochissimi, in generale, i luoghi di fruizione culturale e di aggregazione sociale, queste iniziative hanno registrato una grande partecipazione dei residenti, con la sala il più delle volte gremita e il segnale evidente della voglia da parte delle persone di tornare a vedere insieme un film e animare un dibattito. La rassegna “L’Italia che non si vede” si articolerà in 10 date nei mesi di giugno, settembre e ottobre con la proiezione di altrettanti film documentari selezionati dai principali festival italiani e internazionali.

Scopri le date della rassegna

PROSUMER - Il Settore Energetico e la fine della Tutela

L’iniziativa si propone di “stimolare” un interesse attivo dei singoli Cittadini (così come pure di Enti del Terzo Settore a favore degli aderenti e/o relativi target) relativamente ad un argomento di scottante attualità che porta con sé differenti e numerose criticità per tutti gli attori coinvolti, ovvero la fine del Mercato Tutelato nel settore energetico.
L’impostazione proposta è quella di suddividere l’evento in due distinte sessioni da somministrare nella stessa data o in date contigue.
La prima sessione combina un (breve) excursus storico con una (rapida) immersione nelle questioni di carattere generale del settore energetico
La seconda, viceversa, dall’approccio più pratico ed operativo, tratta alcuni casi reali di tutela operata dall’Associazione. In tale sessione non è esclusa la presentazione di alcuni “testimonial” scelti tra i cittadini – consumatori che si sono rivolti all’associazione proponente per risolvere problemi – tipo concreti, in modo da instaurare un proficuo e diretto dibattito tra consumatore e consumatore.

Scopri la locandina dell’evento

LA GIRANDOLA - La Terra che cura

L’Associazione “La Girandola odv “nasce nel 2020 nel Comune di Nocera Superiore. La sede operativa è in Via V. Russo ed è costituita da un terreno destinato ad uso agricolo. La Associazione incoraggia il ribaltamento del paradigma “più abilità più accesso al lavoro, meno abilità più assistenza” puntando sulla formazione e l’inclusione sociale e lavorativa di giovani adulti con disabilità attraverso l’agricoltura e l’attività ricreativa.
Ci impegniamo a identificare le potenzialità dei ragazzi per facilitarne la loro inclusione come componente produttiva e sociale attiva, capace di svolgere lavori utili alla loro crescita e formazione ma anche alla società.

Scopri la loncadina dell’evento

I RAGAZZI DI SAN ROCCO - Torniamo a giocare insieme

l’attività serve a promuovere la conoscnza tra le associazioni presenti sul territorio e che avendo tutte finalità diverse non si incontrano nelle proprie attività. Il Laboratorio prevede la ricerca di giochi storici locali e la creazione da parte di ogni associazione di una squadra . Tutti i componenti si scontreranno tra loro giocando all’interno della villa comunale di Sala Consilina. Durante l’evento ogni Associazione avra uno spazio in cui promuoverà le sue attività . Sarà prevista una tavola rotonda tra le associazioni con la firma di un protocollo di intenti per il bene comune

ARCAT CAMPANIA - Forum mediterraneo sul futuro dell'ecologia sociale antrospirituale

Forum che si svolgerà a Paestum nei giorni 22-23 giugno e coinvolgerà le ARCAT regionali I lavori si concentreranno sul lavoro dei Club come laboratori di educazione alla multiculturalità, all’accoglienza della complessità esistenziale. L’educazione all’etica di relazioni improntate al rispetto e alla valorizzazione della pluralità; all’inclusione e all’apertura al nuovo, nel segno del superamento di logiche e pratiche di gestioni di lasciti testamentari o di controllo centralistico e monocratico. La rete locale e nazionale delle comunità multifamiliari e l’ impegno civico per il bene comune (partecipazione, sostenibilità ecorelazionale ed ambientale; promozione di pace ed equità sociale) come segno di presenza nella comunità locale e nel dibattito scientifico e culturale per un nuovo rinascimento etico.

Scopri l’evento

INSIEME PER RINASCERE - La dieta che salva salute e pianeta

Ridurre del 50% entro il 2050 il consumo globale di carne rossa e zuccheri e raddoppiare quello di frutta, verdura, noci e legumi mette in gioco salute, nutrizione, sostenibilità ambientale, sistemi alimentari, economia. Intervenire sui consumi e la produzione di alimenti è urgente e necessario per almeno tre motivi: tre miliardi di persone hanno problemi di malnutrizione (sono sottonutriti o sovralimentati), il sistema di produzione e consumi di alimenti, destinato a crescere con il miglioramento delle condizioni economiche dei paesi in via di sviluppo, genera inquinamento ambientale e contribuisce al riscaldamento globale.

Riequilibrare le abitudini alimentari a livello globale porterebbe a benefici sostanziale per la salute pubblica e per la biosfera.

Nutrirsi bene e con una produzione sostenibile

NOI PER TE - L'orto della Casa di Lara, terapia del cuore

L’orto-terapia rappresenta oggi uno strumento efficace di coinvolgimento dei pazienti oncologici ricoverati presso l’Hospice, la Casa di Lara.
Il parco antistante la struttura offre la possibilità di creare un orto-terapeutico, che nella bella stagione coinvolge malati e familiari. L’attività prevede varie fasi, fondamentale è la preparazione, un giardiniere incaricato prepara il terreno, che ospiterà le piantine nuove; la semina ed il raccolto . I pazienti partecipano a tutte le fasi della preparazione, dando utili consigli e scegliendo le piante che saranno alloggiate nel terreno.
Le piantine germoglieranno e doneranno zucchine, pomodori, zucche, fagiolini, erbe aromatiche per tutta la bella stagione, i prodotti dell’orto saranno cucinati ai malati , i giovedì della Casa di Lara sono nati a questo scopo. L’orto sarà curato dal giardiniere, ma
riceverà molte cure dai volontari, dal personale sanitario, ma soprattutto dai pazienti e dai caregiver. La natura ha un grande potere curativo e assistere alla rinascita del terreno e alla crescita dei suoi frutti dona molta speranza.
Nel periodo estivo sarà organizzata la tradizionale Festa dell’Orto.

LIBRARSI - RADICI: Antonio Genovesi, le radici dell'economia civile; 80 anni di Salerno Capitale d'Italia

E’ previsto un programma di eventi, collegati ed aperti al territorio, sui seguenti temi:
– L’Economia Civile, a partire da Antonio Genovesi, nostro conterraneo, prima cattedra al mondo di Economia civile (istituita a Napoli nel 1754)
– 80 anni di Salerno Capitale d’Italia
Antonio Genovesi, in contesto illuminista, si è occupato di economia, etica e antropologia.

Per il GENOVESI, le leggi che regolano la società non possono prescindere dalla considerazione delle virtù civili e del Bene comune, della solidarietà sociale e della “Mutua Assistenza”. Non stupisce dunque che, nel pieno di una crisi devastante dell’economia neoliberista di mercato, il messaggio di Genovesi risulti oggi ancora più attuale che nel Settecento.
Salerno fu sede del Governo e Residenza Reale dall’11 febbraio al 15 luglio 1944. Nel settembre dell’anno prima, a Salerno e nel suo golfo si era svolta una delle più importanti operazioni di sbarco alleate di tutta la guerra, quella che, appunto, prese nome di Sbarco di Salerno, l’Operazione Avalanche, come venne chiamata in codice…
Ai due temi sarà collegato un Premio Letterario volto a raccogliere le idee e i progetti migliori degli istituti secondari superiori della città di Salerno e provincia, che affrontino i temi dell’economia civile e dello sviluppo sostenibile, dell’applicazione dei principi di solidarietà, reciprocità e valorizzazione del bene comune, della partecipazione civica e dell’importanza della memoria collettiva.

ZOOFILA NOCERINA - L'orto della Casa di Lara, terapia del cuore

Il Laboratorio preverde l’organizzazione visite guidate di gruppi (scolaresche, gruppi di catechismo, ecc.) presso la struttura dell’associazione, in modo da sensibilizzare alla cura e benessere degli animali di affezione, e implementare misure volte alla lotta al randagismo

ECOLOGIA, DIRITTO & AMBIENTE APS - AMA Salerno Festival

l Rotaract Club Salerno Est è un’associazione composta da giovani studenti e professionisti che si impegnano quotidianamente, con numerose attività e progetti a favore del prossimo ad apportare cambiamenti positivi e duraturi nella comunità, promuovendo il rispetto dei diritti altrui, dei principi etici e della dignità di ogni professione. La comunanza di intenti ha fatto sì che fin da subito si instaurasse un saldo rapporto di fiducia e collaborazione con l’Associazione di tutela Ambientale EDA.
Il Rotaract Club Salerno Est e l’Associazione di tutela ambientale Ecologia, Diritto & Ambiente, infatti, hanno portato avanti negli anni il progetto “A.M.A. Salerno Festival – Arte Musica e Ambiente”, volto a valorizzare la musica e l’arte in tutte le sue forme nella splendida cornice offerta dalla natura.  La scelta di organizzare l’A.M.A. Festival nel cuore della zona orientale della città deriva dalla volontà di donare ad un quartiere spesso dimenticato, come quello di Mariconda, un evento aggregativo che possa avvicinare i giovani alla cultura e sensibilizzare la comunità alla salvaguardia dell’ambiente.
Il Comune di Salerno, oltre ad aver già autorizzato le predette associazioni ad utilizzare gratuitamente gli spazi antistanti la Parrocchia, ha riconosciuto all’iniziativa il proprio patrocinio morale.
Durante le due giornate, quindi, si alterneranno momenti laboratoriali (laboratorio creativo e laboratorio di riciclo), esibizioni sportive (danza e judo ad opera di coop sportive del territorio), interventi sul tema ambientale (a cura dell’associazione EDA e non solo) nonché momenti culturali ed esibizioni musicali.
La partecipazione all’evento sarà libera e gratuita.

MAD.ORA - EMOZIONI IN MUSICA LABORATORIO Musicale per Adulti

Obiettivo principale: offrire uno spazio di espressione creativo condiviso a persone adulte che si trovano in situazioni di particolari difficoltà relazionale ed emotiva.
Obiettivi intermedi:
• Presa di contatto con il proprio corpo servendosi di esso nell’accompagnamento musicale (mani, piedi, testa, spalle indotti al movimento dal ritmo);
• ascolto del cambiamento della respirazione come risposta alle emozioni interne;
• emissione vocale;
• esplorazione multisensoriale;
• movimenti corporei organizzati;
• comunicazione non verbale unificatrice dell’esperienza.

FORMA MENTIS ODV - Inclusión

Nell’odierno mondo globalizzato e nella conseguente società multietnica, l’apprendimento della lingua spagnola rappresenta un’importante risorsa dal punto di vista della comunicazione, poiché, comporta lo sviluppo di una coscienza multiculturale fondamentale per l’inclusione di bambini e ragazzi. L’attività che verrà attivata, quindi, avrà come focus l’educazione interculturale, attraverso modalità ludico-ricreative, finalizzata al trasferimento, nei confronti degli utenti, della cittadinanza europea e internazionale, attraverso il contatto con la seconda lingua più diffusa all’interno della comunità europea stessa. L’iniziativa verrà svolta attraverso giochi di gruppo, sketch teatrali e attività all’aperto in cui, non solo verranno insegnati i fondamenti comunicativi di tale lingue ma, verrà spiegato e mostrato agli utenti l’importanza dell’inclusione e la bellezza delle diversità culturali.
Il laboratorio verrà suddiviso in tre giornate tematiche in cui i frequentanti verranno guidati verso la conoscenza di un contesto socio- culturale diverso dal proprio, migliorando, contemporaneamente la capacità comunicativa e le abilità espressive.
Sensibilizzare le nuove generazioni al concetto di inclusione e far conoscere loro le sfaccettature delle diverse popolazioni ispaniche del mondo, rappresenta un’opportunità non solo per l’utenza in questione, ma anche per l’intera comunità, poiché, solo attraverso l’accettazione e l’inclusione del prossimo è possibile costruire una società civile basata su sani principi e ampie vedute.

Inclusiòn scopri la locandina

P.C. BELLIZZI ODV - L'Ambiente siamo NOI

Il laboratorio, denominato “‘L’ambiente siamo NOI”, si svolgerà presso il nostro Centro di Addestramento, il giorno 30 Maggio, in collaborazione con l’istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano. L’attività è principalmente rivolta alle classi quinte dei vari plessi sparsi per il territorio di Montecorvino Pugliano. Tale giornata si incentrerà sull’informazione e sulla pratica, con una lezione in aula sugli incendi boschivi e sull’inquinamento dei mari ed infine un percorso esterno relativo al riciclo creativo.

Scopri la locandina

EXPERIENCE - EDUsostenibilità'

Il Laboratorio intende presentare persegue proprio tali fini focalizzandosi sull’educazione ambientale. Esso si pone in una cornice di globalizzazione. Le Nazioni Unite hanno approvato nel 2015 l’Agenda Globale per lo Sviluppo Sostenibile individuando 17 obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) articolati in 169 target da raggiungere entro il 2030.
La risoluzione “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo sviluppo Sostenibile” è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità.
Gli obiettivi previsti per il progetto sono i seguenti: “goal 13 agire per il clima” e “goal 15 la vita sulla terra”.
È un’iniziativa che mira a coinvolgere i cittadini nella tutela e nella valorizzazione dell’ambiente, attraverso attività educative, di sensibilizzazione e di partecipazione attiva, il progetto promuove la consapevolezza ambientale e incoraggia comportamenti sostenibili nella vita quotidiana.
L’iniziativa progettuale nasce dall’esigenza di radicare nella cultura delle nuove generazioni la consapevolezza che l’ambiente è un bene fondamentale che va assolutamente tutelato.
Il progetto mira dunque a proporre ai bambini e ragazzi uno stile di vita nuovo, che consenta di superare consumi talvolta eccessivi di oggi, che ci portano a sprecare molto di quello che abbiamo.
Il buon senso e la consapevolezza dei problemi ambientali e di inquinamento ci devono suggerire una maggiore attenzione e rispetto delle regole, per la tutela del mondo e delle sue risorse: naturali, energetiche, vegetali, animali.

ANTEAS EL CEPPO ODV - Politiche attive per il territorio

Dopo l’individuazione e il censimento del materiale in possesso dell’associazione si passa alla fase della digitalizzazione e conservazione del materiale cartaceo (attraverso la scansione dei documenti cartacei adatti all’archiviazione digitale. Digitalizzazione dei supporti video-fotografici, convertendo i supporti video-fotografici originali (video 8 e super 8, VHS, cassette, diapositive, etc.) in formati digitali come MP4, JPEG o altri formati standard. Facilitare la ricerca e il recupero, includendo informazioni come la datazione, il titolo, una breve descrizione del contenuto, le parole chiave e i nomi delle persone o delle organizzazioni coinvolte. Creare un sito web o una sezione dedicata sul sito web di Anteas El Ceppo, pubblicando online una selezione di materiali digitali per renderli accessibili al pubblico. Allestire mostre ed eventi per presentare al pubblico i materiali dell’archivio e promuovere la conoscenza delle attività di Anteas El Ceppo nel corso degli anni. Realizzare pubblicazioni, come libri o brochure, che raccontano la storia di Anteas El Ceppo attraverso immagini, documenti e testimonianze tratte dall’archivio. Proporre attività didattiche e laboratori per le scuole e per il pubblico in generale, utilizzando i materiali dell’archivio per educare alla cittadinanza attiva e alla valorizzazione del patrimonio storico locale. È fondamentale garantire la conservazione sicura e a lungo termine dei materiali originali, sia cartacei che video-fotografici. La digitalizzazione deve essere effettuata con standard qualitativi elevati per garantire la leggibilità e la fruibilità dei file digitali nel tempo. L’archivio digitale sarà accessibile al pubblico in modo semplice e intuitivo, attraverso un sito web o altre piattaforme di fruizione. È importante promuovere e valorizzare l’archivio attraverso diverse iniziative, come mostre, pubblicazioni e attività didattiche, per far conoscere la storia di Anteas El Ceppo e il suo contributo alla comunità.

INSIEME POSSIAMO ODV - Il sole del Sele

Organizzare un giornata a Foce Sele con i ragazzi svantaggiati per un incontro in cui narrare la storia di quell’importante asta fluviale nell’economia e nello sviluppo del territorio e per far apprendere le tecniche di pesca sportiva con l’ausilio di uno o più istruttori della FIPSAS di Salerno

Scopri la locandina dell’evento

RAFIKI ODV - L'albero delle emozioni

Il laboratorio “l’albero delle emozioni” intende dar voce alle emozioni dei partecipanti attraverso l’arte. Si intende, quindi, offrire uno spazio in cui i bambini siano aiutati ad esprimere e a confrontare con gli altri le proprie emozioni. Spesso i più piccoli, non riescono a gestire ciò che provano, soprattutto se parliamo di emozioni negative e, questo, può comportare, in alcune situazioni, lo sviluppo di reazioni negative come l’isolamento e l’aggressività o sviluppare un senso di disagio che può bloccare la possibilità di esprimersi, relazionarsi e socializzare anche con i propri pari. La produzione di tali atteggiamenti, all’interno dell’ambito familiare e sociale, potrebbe generare delle condotte comportamentali negative nei confronti di terzi, quindi, mostrare ai più piccoli come gestire i propri sentimenti non aiuterebbe solo il minore stesso, ma anche i rapporti con i propri affetti e il prossimo. L’espressione artistica, come il gioco e l’immedesimazione, facilita la gestione emotiva e del conseguente rapporto con gli altri, poiché, tali sentimenti riescono a prendere forma attraverso il disegno e il lavoro di squadra. Dare una forma alle emozioni è un modo per esternarle e rielaborarle favorendo l’incontro e la socializzazione. Attraverso le attività che verranno svolte gli utenti verranno stimolati cercando di catturare l’attenzione, favorendo l’espressione corporea e la socializzazione all’interno del gruppo. Il laboratorio avrà una durata di 3 giorni ognuno di 3 ore, in cui verranno svolte attività di disegno espressivo e di immedesimazione teatrale.

Scopri la locandina

LA RONDINELLA - Smile 4 Life

L’ Associazione “La Rondinella” con i suoi clown dottori regala sorrisi ai bambini ricoverati nei reparti pediatrici ed oncoemotologici degli ospedali campani e a coloro che vivono una situazione di disagio fisico, psichico e/o sociale. Il clown di corsia, mira a sdrammatizzare la figura del medico e la paura del “camice bianco” soprattutto nei più piccoli: abbatte la noia, promuove la salute, distrae dalla realtà ospedaliera in modo creativo.
Ogni singolo sketch è personalizzato e completamente adattato alla persona con la quale i clown professionisti entrano in relazione. Se un bambino ospedalizzato è triste ed arrabbiato perché non può vedere il suo cagnolino per tutta la durata del ricovero, probabilmente i clown dottori adatteranno la scenetta a queste emozioni, con un cagnolino peluche che la farà da protagonista. I dottori del sorriso, inoltre, favoriscono la creazione ed il consolidamento dei rapporti che vengono instaurati tra pazienti ricoverati, familiari e personale sanitario con l’intento di contribuire ad un processo di guarigione più rapido e sereno. ll clown dottore non fa animazione, ma opera un cambiamento terapeutico usando la “clownerie”, la magia, il gioco comico e poetico, al fine di produrre l’energia vitale del ridere come emozione utile per affrontare situazioni di malessere, per ridimensionare ansie e paure legati al loro stato di salute ed ai trattamenti sanitari. Inoltre egli prova a stabilire, anche con gli spettatori, un rapporto di fiducia, comprensione e confidenza, capace di alleggerire la quotidianità della vita ospedaliera, in favore della fantasia e dell’immaginazione. Questo modo tanto originale e creativo di approcciarsi alla cura, è oggi validato dalla comunità scientifica: in condizioni psicologiche positive tutto l’organismo reagisce meglio alla malattia ed alle cure.

LA ROCCA DELLE ARTI APS - La Bottega dell'Arte

Il Laboratorio si pone il recupero dell’antico mestiere del Pittore e la vita in bottega tra Pittura Restauro e Fotografia. Far prendere coscienza alle nuove generazioni come, al di fuori della digitalizzazione come oggi ci viene imposta, si possa giocare con la creatività valorizzando e divulgando antichi saperi

VERDE ABBRACCIO O.D.V. - Alle sorgenti del Picentino

Organizzazione di escursioni (almeno due) alla scoperta delle bellezze del territorio con il compito specifico di segnalare alle amministrazioni competenti eventuali deturpazioni e impatto ambientali provocati dall’uomo.

LIPU - Girovaghi/e in natura

Guidati e stimolati dagli operatori della Lipu, i giovani alunni avranno l’occasione di sperimentare una pratica già largamente diffusa nei Paesi del nord Europa, abituati a frequentare, senza vincoli, la natura, passeggiando in mezzo ai boschi e riconnettendosi ad essa. La natura, infatti, è il luogo ideale dove riposarsi, contemplare la biodiversità e il paesaggio che ci circonda, e dimenticare gli stress alla salute quotidiana.
Muoversi in natura riduce lo stress, rilassa il sistema nervoso e muscolare e, come dimostrato da alcuni studi, stimola la creatività.
“La natura ci insegna ad accettare gli imprevisti, riscoprire il piacere della lentezza, valorizzare il silenzio che ci circonda. E ciò crea un legame profondo e un senso di responsabilità verso la natura, aumentando così la voglia di proteggerla”.

Il laboratorio prevede a maggio 2025 che gli alunni della scuola I.C. “T. Tasso”SA nr.25 alunni e 03 docenti, e 03 volontari Lipu, effettueremo un week end di una giornata nelle seguenti Località: Castelcivita -Postiglione sul fiume Sele , poi ci traferiremo per il pranzo al ristorante sempre a Postiglione-SA- poi rientro sempre con bus a noleggio per tale l’evento.

OLYMPIA - A cielo aperto

Il Laboratorio nasce con la motivazione di guidare il bambino alla scoperta dell’ambiente che lo circonda nella prospettiva di “porre le fondamenta di un vivere democratico, eticamente orientato, aperto al futuro e rispettoso del rapporto uomo-natura”.
L’educazione ambientale si pone allora come tema portante e trasversale dei 5 campi d’esperienza toccando tutti gli ambiti dell’agire e della conoscenza che il bambino gradualmente sviluppa. Verranno presentate ai bambini esperienze laboratoriali, artistiche e manipolative che possano potenziare le finalità del progetto condividendo i valori comuni, rispettando l’ambiente e collaborando per un bene comune.
Il progetto di educazione ambientale vuole stimolare il bambino alla scoperta della realtà per condurlo progressivamente alla conoscenza e alla riflessione. Il punto di partenza della metodologia è: la ricerca azione, l’esperienza diretta del bambino, il fare per scoprire.
L’itinerario educativo-didattico si muove dalla naturale curiosità del bambino riguardo l’ambiente che lo circonda.

CTG ACA 2030 - Volcei: sussurri dal passato

“Volcei: sussurri dal passato” è un viaggio emozionante attraverso la storia di Buccino,

un progetto ambizioso per riportare in vita la storia di Buccino attraverso varie epoche.

“Volcei: sussurri dal passato” è un progetto promosso dal CTG ACA 2030 in collaborazione con l’associazione Agorà di Volcei e l’amministrazione comunale di Buccino, con l’obiettivo di valorizzare il borgo e il suo ricco patrimonio storico-culturale.

Le epoche:

Il progetto si concentrerà su quattro epoche storiche fondamentali per Buccino:

  • 4° secolo a.C.: Il periodo sannitico, con la fondazione della città da parte dei Volsci.
  • 216-209 a.C.: La seconda guerra punica e la conquista romana di Volcei.
  • 180 d.C.: Il periodo imperiale romano e la costruzione della villa romana.
  • 1385 d.C.: Il Medioevo e la dominazione angioina.

Scopri la locandina dell’evento

 6,066 total views,  8 views today